Dialogo, luogo dell’utopia

 
Saggi, proposte, divergenze nella pedagogia critica

A cura di Paolo Vittoria

La scuola si fa sempre più sistema della competizione e del produttivismo. Sorge la necessità di un’educazione basata sul legame con le comunità, con i territori, con i movimenti civili, che sappia essere cooperativa, comunitaria e soprattutto, senza ingenuità, ma con coscienza critica, sappia annunciare una realtà meno violenta e disumana, adoperandosi per costruire possibilità di speranza e di liberazione mediante processi comunitari. Questo libro, organizzato da Paolo Vittoria e composto da autorevoli contributi internazionali, si rende luogo di proposte e riflessioni concrete per realizzare l’utopia del dialogo nell’educazione: utopia più che possibile, reale, concreta, viva, come ci mostrano gli autori e le autrici. Senza dubbio, un riferimento importante per insegnanti, educatori, studenti che credono in un’educazione più partecipativa e costruita dialogicamente.

Paolo Vittoria, nato a Napoli nel 1976, attualmente insegna filosofia dell’educazione ed educazione popolare presso l’Università Federale di Rio de Janeiro. Uno dei riferimenti internazionali più autorevoli nel campo della pedagogia critica. Dottorato in pedagogia presso l’Università Federico II di Napoli, Post-Dottorato in politiche educative presso l’Università Federal Fluminense di Rio de Janeiro. Tra i suoi scritti, ricordiamo Narrando Paulo Freire. Per una pedagogia del dialogo, libro che è stato tradotto in romeno, portoghese, spagnolo, inglese e turco. Pedagogie della Liberazione, scritto con Antonio Vigilante, pubblicato in italiano e portoghese.

Pagine 352, 18 euro.

Acquistra nel sito dell’editore.